Archivio mensile:giugno 2013

Deserto


20130618_205749

In realtà la foto viene dal mio giardino, anche se mi ricorda il deserto. Il nome scientifico del cactus è Echinopsis Oxygona (non so se ha un nome comune), e fiorisce una o due volte l’anno. I fiori si schiudono di sera e durano il tempo di una notte.

Annunci

Reportage fotografico a parole / 6


20100314_174137

Arriviamo al villaggio poco prima del tramonto. Una donna ci conduce tra le capanne, dove altre donne hanno sistemato a terra oggetti che vorrebbero venderci. Compriamo qualcosa. Tutti ci guardano. Non ci sono uomini adulti in giro.

Giungiamo ad una capanna periferica dalla quale esce una giovane seguita da un bambino, probabilmente il figlio. Ci invita ad entrare per un caffè.

La capanna ha un diametro di quattro metri ed è alta circa due. È costruita in paglia e fango, riparata da un perimetro esterno di stecchi. L’interno è organizzato in due livelli: quello sopra ospita i letti, quello sotto il focolare.

La ragazza prende dal fuoco una una pentola di terracotta e ne versa il contenuto, che ancora bolle, in una scodella ricavata da una zucca. Ce la porge. Perplessi beviamo a turno. Io prego gli déi della flora batterica intestinale di proteggermi.

Le mie preghiere vengono ascoltate.


Quando feci i cosiddetti “due giorni”, cioè la visita militare che doveva determinare se ero abile all’arruolamento per la leva obbligatoria, mi fu sottoposto un questionario dove c’erano due domande che avevano tutta l’aria di essere un trabocchetto: “ti piacciono i fiori?” e “disegneresti dei fiori?”.

A me i fiori piacevano, e decisi che dire la verità è sempre la cosa migliore. E infatti venni convocato dallo psicologo che volle determinare se per caso avessi non meglio specificati “problemi”. Alla fine decise che no, non avevo problemi, e potevo essere tranquillamente arruolato.

Arruolato è una parola grossa, in quanto poi optai per il servizio civile. Spesi quell’anno (uno dei più belli della mia vita) presso l’Unione Italiana Ciechi.

I fiori mi piacciono ancora, ed è questo il motivo per cui stamattina i vicini mi hanno probabilmente notato mentre mi aggiravo per il giardino con la testa ficcata nelle piante. Ecco alcune delle foto che ho fatto.

20130602_104526 20130602_104834 20130602_104854-1 20130602_105302 20130602_105516-3