Archivio mensile:febbraio 2013

La lampada di Ronaldo – Parte 2a


Ed ecco la seconda puntata del racconto con protagonista Kamal. La prima si trova qui.

Questo “schema” di pubblicazione – una puntata al lunedì e una al giovedì – mi piace, quindi lo manterrò fino alla fine del racconto. Siccome è un racconto ancora in via di scrittura non so esattamente quante puntate durerà, ma voglio sbilanciarmi: 5 o 6.

Lo so, può essere una palla seguire un racconto diviso in parti, ma del resto anche leggersi un racconto lungo in una botta sola… Come al solito, quindi, sono andato a sentimento.

La lampada di Ronaldo – Parte 2a

Un’ora prima della partita, indossata la maglia di Cristiano Ronaldo – attaccante del Real e suo idolo numero uno – si incontrò con gli amici e tutti insieme si diressero verso il bar di Hassan, che aveva un bel televisore al plasma. Nel suo gruppo c’erano molti tifosi della squadra spagnola, ma anche qualcuno dello United, per cui probabilmente ci sarebbe stato da litigare. Era un genere di discussione molto rumoroso, ma alla fine, a parte qualche sfottò, non succedeva mai niente.
Per Kamal, però, quella non era solo una partita di calcio, era il simbolo della battaglia eterna tra fantasia, arte ed amore contro forza, applicazione, freddo calcolo. La vittoria del Manchester avrebbe dimostrato una volta di più che nella vita il talento e la passione non vengono premiati.
In realtà anche gli inglesi vantavano una buona squadra, formata da tanti giocatori pieni di estro, ma lui si sentiva mille volte più affine agli spagnoli.
Il primo tempo fu piuttosto noioso, con le merengues – così veniva chiamata in Spagna la prima squadra della capitale – che spingevano per cercare di segnare e il Manchester che, sornione, provava senza successo a pungere in contropiede. Nell’intervallo uscirono tutti in strada per prendere fiato, nemmeno fossero loro a correre su e giù per il campo. Si discuteva di tattica e gli adulti, con fare saccente, indottrinavano i ragazzi con sopraffine lezioni su fuorigioco, zona ed attacco a tre punte.
A Kamal non importava con quale modulo il Real avrebbe affrontato il secondo tempo, l’unica cosa importante era che riuscisse a segnare. Per ora la lampada portafortuna non stava funzionando, ma dopotutto bastava fare un solo gol.
Il secondo tempo stava avendo un andamento simile al primo, la partita era noiosa e sembrava che nessun attaccante fosse in grado di superare la difesa avversaria. A dieci minuti dalla fine, però, un errore del portiere Casillas su una punizione innocua battuta dal gallese Giggs consentì a Rooney, il migliore attaccante del Manchester, di segnare il più facile dei gol. United uno, Real zero. Era la fine. Ora al Madrid sarebbero servite due reti per qualificarsi ai quarti. In pratica un miracolo.
Kamal abbassò lo sguardo per osservare la lampada che aveva tenuto in mano fino a quel momento, sentendosi uno stupido nell’aver creduto che un semplice oggetto di ottone potesse indirizzare le sorti di una partita così difficile. Gli venne voglia di lanciarla contro il muro, e si trattenne solo per non mostrare agli altri la sua disperazione. Decise invece di passarla nella mano sinistra, come estremo gesto di scaramanzia. Sussurrò anche qualche parola, una sorta di preghiera: “maledetto rottame, dimostrami di valere i soldi che mi sei costata; doppietta di Ronaldo, tutto qui; semplice no?”. Gli amici che erano tifosi del Manchester intanto lo sfottevano, lui e l’allenatore delle meregues Mourinho, che però non poteva sentire.
Rialzando lo sguardo verso lo schermo vide il Real ripartire da centrocampo: palla indietro a Xavi Alonso, ancora indietro a Sergio Ramos – un andaluso dalle sembianze di un vichingo, Ronaldo che scatta sulla fascia, il difensore che lo vede e lancia lungo, la squadra inglese sorpresa, Cristiano che controlla magnificamente e si invola verso la porta. Affronta il portiere De Gea in uscita, lo dribbla e lui lo stende. L’arbitro indica il dischetto del rigore e, mentre corre verso l’area, mette mano al taschino estraendone qualcosa. Cartellino rosso!!!
Kamal impiegò qualche secondo per realizzare cosa stava succedendo: il Manchester aveva già effettuato tre sostituzioni, quindi avrebbe dovuto affrontare un rigore contro e i successivi dieci minuti di partita in inferiorità numerica e con un giocatore di movimento in porta. Sembrava di nuovo tutto possibile.
Dopo le classiche proteste dei giocatori di casa, Ronaldo riuscì a posizionare la palla sul dischetto, aspettando che Welbeck, un attaccante, prendesse posto in mezzo alla propria porta.
Stadio ammutolito nell’attesa. L’arbitro fischia. Ronaldo calcia potente, il portiere improvvisato non si muove nemmeno, la palla si infila come una saetta alla sua destra. Uno a uno.
Kamal guardò di nuovo la lampada, poi guardò lo schermo dentro al quale i giocatori del Real si stavano abbracciando, poi ancora la lampada. Ora sentiva che ce l’avrebbero fatta.

Annunci

Concorso Veolia 2012


Il concorso Veolia è un concorso fotografico prestigioso a cui possono partecipare tutti, basta pagare 20 sterline. Il concorso è curato dal Museo di Storia Naturale di Londra.

Partecipano fotografi da tutto il mondo, dilettanti come me e professionisti con i controcazzi. L’anno scorso ho partecipato, ed è stato un impegno serio: ho passato parecchie ore a scegliere le foto da utilizzare e altre ore nella post-produzione.

Alla fine non ho vinto nessun premio, come era ovvio, ma almeno una delle mie foto ha passato il primo sbarramento (quella del lupo etiope che si mangia un topo). È già una soddisfazione, perché da 40mila foto si passa a 2mila. Quindi diciamo che una mia foto è tra le migliori 2mila del concorso (esiqaatsi, direbbe qualcuno).

Quest’anno avrei voluto partecipare, ma poi ho privilegiato altre cose (ozio incluso) per cui sono rimasto con qualche foto pronta da mandare e 20 sterline in più in tasca.

Le foto che seguono sono un campione di quelle del concorso dell’anno scorso.

20090410_061327-2 20090415_083653 20100104_151657 20100309_115414-2 20101002_183056 20111220_125807

La lampada di Ronaldo – Parte 1a


Un paio di giorni fa mi è capitato di pensare, in rapida successione e per motivi a me sconosciuti, ad un libro di Paulo Coelho, L’alchimista; ad un viaggio che ho fatto nel 2011, a Marrakech; e agli ottavi di finale di Champions League, in particolare alla partita Real – United.

Il mio cervello ha mescolato bene i tre ingredienti ed ha prodotto un’idea per un racconto. Stavo andando a lavorare (o forse ero in bagno ma questa seconda immagine è meno affascinante) ed ho “dettato” al telefonino un paio di appunti, ché altrimenti mi sarei dimenticato di certo (il mio lavoro devasta la memoria, i colleghi ne sono tristemente testimoni).

L’intenzione sarebbe quella di parlare, attraverso le vicende di un ragazzo marocchino di nome Kamal, di due questioni che mi hanno dato sempre da pensare: le scelte e i sogni.

La lampada di Ronaldo – Parte 1a

Kamal era un ragazzo di 15 anni che viveva nella medina di Marrakech, figlio di un calzolaio e di una venditrice di ceste di vimini.
Entrambi i genitori lavoravano dentro alla medina stessa, così che la vita di Kamal si svolgeva quasi esclusivamente all’interno di quel dedalo di viuzze. Anche la sua scuola era dentro le mura, motivo per cui Kamal usciva dalla città vecchia solo per andare a trovare gli zii che vivevano sulle montagne, ad un paio d’ore di autobus. E questo accadeva rigorosamente due volte all’anno: una d’state per sfuggire temporaneamente al calore del deserto e l’altra d’inverno, per vedere lo spettacolo della neve. Quando veniva.
A Kamal piaceva la sua vita, fatta di studi – era davvero bravo – e scorribande con gli amici. Queste due attività erano interrotte suo malgrado dai doveri famigliari, e cioè aiutare a turno i genitori nei loro negozi.
Ad essere onesti, se quello del padre era un vero e proprio negozio con tanto di portone di legno, quello della madre era solo uno spazio in una delle tante piazzette della medina. Lei stendeva a terra alcune coperte consunte, sulle quali poi disponeva i bei cesti che fabbricava a mano.
In ogni caso gli rimaneva sempre abbastanza tempo per dedicarsi alla lettura. Kamal era un vero divoratore di libri, non importava il genere. Bastava che parlassero di paesi lontani. Che i protagonisti fossero impegnati in una struggente e impossibile storia d’amore, oppure nelle indagini legate ad un caso di omicidio, non faceva per Kamal alcuna differenza. Quello che lui cercava tra le pagine erano le descrizioni di città esotiche, enormi, fredde, pericolose. Una volta aveva letto di una con un inverno così rigido che l’acqua nelle pozzanghere rimaneva ghiacciata per sei mesi.
Cercava i libri un po’ ovunque, in ogni posto dove potessero essercene. La biblioteca della sua scuola, gli alberghi pieni di turisti, piazza Djemaa el Fna. Qui, solo che riuscisse a racimolare qualche decina di Dirham, poteva tentare la fortuna presso i banchetti dei rigattieri. Ormai li conosceva tutti, e loro tenevano volentieri da parte un libro per lui.
Fu così che Kamal trovò la lampada.
Era andato in piazza. Quel giorno, facendo la guida per una coppia di giovani turisti, aveva guadagnato ben 100 Dirham, ed era intenzionato a spenderli tutti cercando di comprare libri. Invece, arrivato al banco di Abdelaziz – aveva con sé ancora 64 Dirham – vide un oggetto che attirava la sua attenzione. Era una di quelle vecchie lampade a olio che ormai non si usavano più, se non nei riad per turisti. Ne aveva viste tante nei vari souk, ma questa aveva destato la sua attenzione perché sul fianco recava uno stemma che ricordava quello del Real Madrid, la sua squadra preferita. Ovviamente lo stemma non era quello della squadra spagnola, ma Kamal decise che voleva la lampada.
La trattativa fu, come si conviene alle migliaia di trattative che tutti i giorni si verificano a Marrakech, lunga e complessa. Agli occhi di uno straniero sarebbe potuta sembrare una lite, in realtà Abdelaziz e Kamal si stavano divertendo un mondo.
Alla fine, entrambi con un’espressione devastata dalla delusione, si accordarono per un prezzo di 37 Dirham.
Il sole era ormai tramontato e Kamal si affrettò a tornare verso casa, dove certamente la madre l’avrebbe sgridato per il ritardo.
Corse velocemente nella sua camera – Kamal era figlio unico e si diceva che la madre non avrebbe più potuto avere figli – per riporre nel baule i libri e la lampada. Si diede una lavata veloce e scese per cenare con la famiglia.
Nei successivi due o tre giorni Kamal si dimenticò della lampada, indaffarato com’era tra studio, amici e le botteghe dei genitori. Ma il mercoledì seguente si giocava la Champions League e il Real Madrid incontrava niente di meno che il Manchester United. Dopo la scuola Kamal tirò la lampada fuori dal baule. Voleva ripulirla in modo che la sera fosse pronta per fare da portafortuna. Il Real doveva vincere in Inghilterra per passare il turno, e l’impresa non era di certo delle più facili.

C’era una volta


Quello che segue è un dialogo (immaginario) tra un nonno e suo nipote. L’idea mi è venuta spulciando qua e là tra i blog di scrittori. Vorrei sfruttarla, ora e in futuro, per parlare dei nostri tempi e del nostro mondo, senza che ne venga fuori un saggio.

Chissà, magari invece ne viene fuori una roba pallosa per cui ci darò su. Questo è il primo tentativo, comunque.

C’era una volta

Una domenica pomeriggio, fine estate, in giardino.
“Nonno, posso chiederti una cosa?”
“Nonno?”
“NONNO!”
“Ehm… sì. Giacomo… Che c’è?”
“Stavi dormendo?”
“No no, stavo pensando. Dimmi.”
“Con gli occhi chiusi, stavi pensando?”
“Sì, con gli occhi chiusi. Che cavolo vuoi?”
“Che caratterino… Nonno, fra poco più di una settimana inizio le superiori. E sono un po’ agitato. Tu eri agitato quando hai iniziato le superiori?”
“Ostia Giacomo! È passata una vita, non mi ricordo… Però non devi essere agitato, vedrai che ti piacerà. Alle superiori avrai più libertà, verrai trattato come un uomo. Nuove responsabilità. Stai per entrare nel mondo degli adulti.”
“Ho paura che dovrò studiare tutto il giorno e non avrò più tempo per gli amici. Poi scusa, quanti anni hai da non ricordarti?”
“Poi sono io quello rincoglionito… Ne ho 118. Comunque vedrai che andrà tutto bene. Ci saranno i nuovi compagni da conoscere. E le nuove compagne! Alle superiori tutti trovano la morosa. Ti divertirai. Saranno anni bellissimi.”
“Hai conosciuto la nonna alle superiori tu?”
“Ma no! Come se tu non lo sapessi… l’ho conosciuta quando ero molto più grande.”
“Invece non lo so. Come faccio a saperlo? Non sono mica un indovino.”
“L’ho conosciuta durante l’università. Io ero all’ultimo anno e lei al primo.”
“È stata la tua prima morosa?”
“No, ne ho avute altre prima.”
“E come mai non sei rimasto insieme a loro?”
“Ma scusa Giacomo, non avevi una morosa anche tu l’anno scorso? Poi vi siete lasciati…”
Io l’ho lasciata.”
“Ok, però vedi? Ad un certo punto uno dei due si scoccia e ci si lascia.”
“Quanto sei stato insieme alla nonna?”
“Quindici anni.”
“Cavolo! Più degli anni che ho ora.”
“Eh…”
“Ma in quindici anni non ti è mai piaciuta nessun’altra? Io di Marzia mi sono rotto dopo un mese.”
“Sì, è successo. Però vedi, quando stai tanto insieme ad una persona possono capitare periodi in cui si va meno d’accordo. Puoi incontrare altre donne interessanti…”
“Nonno, perché ti sei interrotto? A cosa stai pensando?”
“Pensavo alla nonna. E ad una donna di cui mi sono innamorato mentre eravamo insieme. Si chiamava Marcella. Oddio, spero sia ancora viva.”
“NONNO! Ma sei fuori? Come hai fatto ad innamorarti di un’altra? La nonna non si è arrabbiata?”
“Certo che si è arrabbiata. Si è arrabbiata molto, ma la mamma era già nata, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Poi non è che non mi piacesse più.”
“Continua.”
“Mah, ho smesso di vedere Marcella, e ci sono stato malissimo. E ci stava malissimo anche lei. Era sposata da poco ma credo che anche lei si fosse innamorata di me. Piano piano ci siamo allontanati, e mi sono innamorato di nuovo della nonna.”
“Marcella l’ho persa di vista, e mi dispiace. Mi ricordo che allora ci eravamo promessi di rimanere amici, poi però ognuno aveva la sua vita e si sa come vanno queste cose. Era una brava persona. Chissà se abita ancora qui, se sta bene.”
“Era più bella della nonna?”
“Erano belle tutte e due.”
“Però alla fine sei tornato con la nonna.”
“Sì e non mi sono mai pentito, siamo stati molto felici insieme.”
“Quando è morta?”
“Mmm… Oggi sei in vena di discorsi seri! E successo quando la mamma aveva cinque anni, cioè circa quattro anni dopo.”
“L’ha uccisa un’automobile vero?”
“Già.”
“Mi sono sempre chiesto: è per quello che poi le hanno vietate? Perché erano pericolose?”
“No. In realtà non le hanno mai vietate, anche se in effetti erano pericolose. Ne esiste ancora qualcuna. Qualche ricco collezionista…”
“Allora perché avete smesso di usarle?”
“Dai Giacomo, lo sai il perché. Il petrolio. È finito, o quasi, e le automobili – le chiamavamo macchine – andavano a petrolio. Per essere precisi andavano a benzina, che era ottenuta dal petrolio.”
“È successo così, all’improvviso?”
“Dici la fine del petrolio? No, è stata una cosa graduale. Costava sempre di più, e la gente comprava sempre meno automobili. E chi già ce l’aveva smetteva di usarla. In una quindicina d’anni nessuna fabbrica ne produceva più, e piano piano sono sparite dalla circolazione.”
“Io non ne ho mai vista una.”
“Davvero? Un giorno devo portarti al museo della Ferrari. La Ferrari era una fabbrica che produceva automobili sportive. Molto costose, roba da signori.”
“Sì dai!”
“Tu avevi l’automobile, nonno?”
“Sì, l’avevo.”
“Come si chiamava?”
“Ne ho avuta più d’una. L’ultima è stata una Ford.”
“Era bella?”
“Era grande, così potevamo muoverci comodamente. Io, la nonna e la mamma. Alla domenica andavamo a fare dei pic-nic in montagna…”
“Ferma tutto, questa storia l’hai raccontata mille volte.”
“Oh Madonna che simpatia!”
“Vabbè senti nonno, io vado da Ema. Ci vediamo dopo.”
“Ciao, non fate troppe coglionate, che vi conosco a voi due!”
“Sììì, che palle! Ciao.”
“Ciao.”

Il discorso del Presidente


Ultimamente ho visto e ascoltato Obama durante il suo discorso sullo stato dell’Unione. Trovo Obama davvero molto carismatico e autorevole. Fossi un americano mi sentirei in buone mani.

Invidio un po’ il suo stile e la sicurezza con cui parla, ed è forse per questo che ieri, durante le consuete abluzioni mattutine, mi sono scoperto a recitare la parte del Presidente che fa un discorso alla nazione. Era un discorso grottesco, ma io cercavo di esporlo assumendo espressioni di massima serietà.

Ho memorizzato, se non le parole che stavo usando, almeno i concetti. E così ora li ho buttati giù ed ho anche deciso di pubblicarli.

Il discorso del presidente

Concittadini.
Concittadine.
Mi trovo oggi, davanti a voi, qui con voi, a parlare di qualcosa che nessuno di noi si sarebbe mai immaginato potesse accadere.
È vero, la storia dell’umanità, la nostra storia, nei tempi remoti come in quelli recenti, è un susseguirsi di lotte sanguinose e di guerre. È una storia di stermini. È una storia di morte inflitta all’uomo per mano dell’uomo.
Le nostra civiltà, tutte, senza distinzione di religione, o di razza, o di colore della pelle, nel corso dei secoli e dei millenni, si sono scontrate per la terra. Si sono scontrate per l’ideologia. Si sono scontrate per la pazzia dei loro leader.
Tuttavia nessuno di noi, oggi, nemmeno nei suoi peggiori incubi, avrebbe mai pensato che la decisione di un singolo avrebbe potuto scatenare una tale catastrofe planetaria.
Come sapete, cari concittadini, il nostro paese è stato duramente colpito. È stato colpito al cuore, laddove milioni di noi vivevano e lavoravano. Laddove milioni di noi inseguivano i loro sogni. Laddove milioni di noi producevano benessere, per sé stessi e per gli Stati Uniti d’America.
Vedete… quando sono stato eletto voi mi avete consegnato la vostra fiducia e mi avete dato il compito, cari concittadini, di usarla per guidare questo paese con giustizia e con onore.
È un compito che ho sempre cercato di svolgere con umiltà, pensando al bene collettivo per perseguire quello dell’individuo.
Ed è precisamente per questo motivo, il bene della collettività, che ho deciso che un atto di brutale aggressione come quello che la Cina ha perpetrato nei nostri confronti non possa rimanere impunito. Se così fosse nessuno di noi sarebbe mai più al sicuro, perché quello che dimostreremmo davanti al mondo è debolezza.
E noi non siamo deboli, noi siamo gli Stati Uniti d’America! (pugno sul leggio)
In questo momento quattro sottomarini classe Ohio di stanza nel Pacifico stanno lanciando un totale di 96 missili Trident D5, ognuno equipaggiato con un massimo di 8 testate nucleari.
Ogni città cinese verrà rasa al suolo da una tempesta di fuoco, che lascerà dietro di sé…

DRIIIIIIIIIIIIIIIIN!

Cazzo, l’ora d’aria…

Foto HDR


Ultimamente ho visto un post di un fotografo nel quale ci sono delle foto con una luce strana e molto bella. In realtà non lo erano, ma mi erano sembrate foto in HDR (il fotografo – un professionista – aveva usato una particolare configurazione del flash).

In parole povere e per chi già non lo sapesse, l’HDR (High Dynamic Range) è una tecnica fotografica di sviluppo digitale delle foto che ne esalta la luminosità, rendendola più simile a quella caratteristica del mondo reale.

Ho sempre avuto un rapporto di amore-odio per le foto HDR. Infatti da un lato mi lasciano a bocca aperta per quello che trasmettono ai miei occhi, ma dall’altro le trovo così tanto distanti dalla “normale” resa di un sensore di una macchina digitale da rappresentare quasi una frode. Ad onor del vero sono talmente inconfondibili che non è possibile scambiarle con foto “classiche”.

Tutto questo preambolo per presentare alcune mie foto HDR (volendo spulciare tra i miei post si possono anche trovare, per alcune, le loro omologhe “classiche”). Devo però essere onesto fino in fondo: le ho ottenute esclusivamente via software e non utilizzando più immagini scattate con livelli di esposizione diversi. Vabbè sto diventando noioso: quello che conta sono le immagini.

HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/ HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/ HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/ HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/ HDRtist HDR - http://www.ohanaware.com/hdrtist/